venerdì 20 novembre 2015

INCIDENTE


Oggi è successa una di quelle cose che ti cambiano tutte le prospettive.

Abbiamo appena ricevuto la notizia che il marito di una mia collega ha avuto un grave incidente di moto, e non ce l'ha fatta. Io non lo conoscevo, ma la mia collega ha circa 35 anni, quindi suppongo che anche lui non fosse molto più grande.

Siamo tutti sconvolti.

Non riesco a smettere di pensare a lei, vedova.
Vedova ha un sapore così definitivo, così permanente... una cosa che sarai per sempre.
Puoi superare il momento, puoi rifarti una vita col tempo, ma quella cosa lì non la cancellerai mai.
Una vedova di 35 anni.
Come si vive con un dolore così?
Come si sopravvive?
Insieme da una vita, come me e il GG, e da un secondo all'altro, tutto finito.

Lo so che si dicono sempre queste cose in simili circostanze, ma davvero... non ci sono parole.

Non ci sono parole.

29 commenti:

  1. Situazione molto pesante...

    In tutto questo pero' ci sarebbe da vedere sotto la superfice
    come era quel matrimonio li.

    Se era senza figli o meno...

    Se tutto andava bene e si amavano allora deve essere devastante

    Pero' non possiamo dirlo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. erano senza figli e credo che fossero felici, erano insieme da sempre e sposati da poco.

      Elimina
  2. Wua. Che brividi. Senza figli e magari col progetto in cantiere. L'amore della tua vita.
    Ti crolla il mondo addosso.

    RispondiElimina
  3. Mio Dio... Fa male davvero... Se solo provo a mettermi nei suoi panni... no, non ci riesco...
    Posso solo pregare per lei...

    Maira

    RispondiElimina
  4. Non siamo tutti motociclisti ma credo che se ogni tanto ognuno di noi si fermasse a riflettere e capire che siamo comunque tutti legati a questa vita per un filo...

    RispondiElimina
  5. Una cosa tremenda. Devastante. Tremo, sul,serio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se la gente ci pensasse... credo che il mondo sarebbe diverso.

      Elimina
  6. Non posso pensarci…
    Quando avevamo 30 anni mio marito ebbe un brutto incidente in moto, io lo chiamai per telefono e mi rispose la polizia… -10 anni di vita persi (io) e addio alla moto (lui)

    RispondiElimina
  7. Che poi non capisco una cosa .. ma uno a trentanni ancora ha voglia di fare il centauro in moto ?

    Posso capire a diciottanni... che si è ancora dei pirla incoscienti... ma a trentanni, sposato con una moglie che ti aspetta a casa te ne vai in giro in moto come se fosse un bocia diciamo che non mi sembra proprio l' epitome della persona responsabile. Per fortuna che non avevano figli .. almeno la moglie puo' rifarsi ancora un'esistenza, possibilmente con qualcuno meno pirla.

    Ma poi si puo' sapere che lavoro faceva sto qua ? Oggi come oggi un' auto se la possono permettere tutti... non mi dite che era messo cosi male da dover andare in motorino... e poi esistono i mezzi pubblici... se anche fosse. Che inquina anche meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedetta, perdonami...
      a meno che tu non abbia letto da qualche parte come è successo l'incidente, mi pare che tu stia un po' divagando sull'argomento e non mi pare correttamente...
      Chi ti dice invece che 'sto povero tipo, magari, non era fermo ad un semaforo ed è stato investito?
      Prova un attimo a riflettere su quello che hai detto... un po' su tutto direi, inquinamento compreso.
      Un saluto.

      Elimina
    2. Scusa Vedetta forse ho capito male io. Stai dando x caso del pirla a un uomo morto che non conoscevi e di cui non sai niente in assoluto?

      Elimina
    3. Stringendo molto il discorso, se andava in moto : si.

      Anche i pirla muoiono sai ....
      anzi spesso sono quelli che muoiono per primi
      adesso non è che la morte renda intelligenti...

      Siamo onesti...

      Elimina
    4. Mi sembri molto irrispettoso e non ne vedo il motivo. Non sai neppure chi era. La morte non rende intelligenti ma richiede rispetto

      Elimina
    5. Ho capito .. puffola..

      non lo conosco ovviamente ...
      e mi spiace anche per la moglie naturalmente

      Pero' rimane valido il discorso di cui sopra
      non è che adesso se uno muore bisogna sperticarsi in lodi senza fine

      Tralasciando il caso del tuo amico ...

      ma sai quanti persone muoiono ogni giorno, ogni ora, ogni minuto

      e sai quanti pezzi di tolla muoiono.. tra tutti questi..


      La morte accomuna tutti...
      brave persone... stupidi... geni... scienziati .. ignoranti...
      persone cosi cosi'
      persone senza infamia e senza gloria
      persone di tutti i tipi .. buoni e cattivi
      e ci sono anche quelli che muoiono per cause di servizio
      quelli che muoiono mentre sono fermi al semaforo a piedi
      quelli che muoiono mentre fanno una rapina
      quelli che cascano da una impalcatura
      E poi ci sono quelli che nascono e nemmeno hanno una chance
      quelli che muoiono di fame in africa
      quelli che muoiono per mancanza di medicine
      quelli che muoiono di stenti.. di pellagra.. di tifo
      quelli che muoiono perché dove vivono non esistono le vaccinazioni
      quelli che ...

      mi sento un po' Jannacci

      Va bon dai ci siamo capiti..

      Elimina
    6. Io credo che tu ne stia anellando una dietro l'altra....

      Elimina
    7. Riccardo puoi chiudere il cesso ?

      Grazie :-)

      Elimina
    8. Ormai sarebbe inutile...
      ne hai già dette troppe e il bello che continui nonostante la padrona di casa te lo abbia fatto notare.
      Un saluto, buona continuazione
      (prova con il limone)

      Elimina
    9. Riccardone,

      Devi sapere che la "padrona di casa" come la chiami tu
      è una mia cara amica blogghereccia da lunga data oramai
      e senza troppe sviolinate ci "stimiamo" ed apprezziamo reciprocamente
      ciascuno a suo modo.


      Devi sapere inoltre che quello che scrivo, quando commento blogghisticamente
      lo butto giu' in maniera abbastanza diretta senza troppe sovrastrutture "ipocrite"
      alle volte scherzandoci sopra, altre volte ironizzando e alle volte andandoci giu' piatto
      dipende dagli argomenti ... è un tipo di "onestá" un po' ruvida ...
      questo lo riconosco ma è di molte volte preferibile all' ottusaggine italica
      del "volemose bene" che è massimamente ipocrita, ridondante ed inutile.

      Ma sai che due palle se la pensassimo tutti alla stessa maniera ?

      Cio' detto ti ripeto l' invito a chiudere il cesso virtuale della tua bocca.

      Se ti sta bene .. va bene cosi' ... altrimenti va bene uguale.

      Non bisogna mica esser simpatici a tutti ?

      :-)

      Elimina
    10. E' vero, "Non bisogna mica esser simpatici a tutti", concordo... e mi pare infatti
      che tu non stia facendo proprio nulla per cercare di esserlo e, detto tra noi, la cosa
      sinceramente me ne importa davvero assai tanto al punto che non dormirò più
      stanotte.
      Credo che il rispetto e l'educazione siano la base per la vita civile e intelligente,
      soprattutto quando si è in casa di altri come qui dentro, a meno che il fatto che tu
      sia "caro amico bloghereccio" voglia dire che sei autorizzato a essere maleducato
      e incivile anche se condisci la tua maleducazione con i sorrisini...
      fammi quindi la cortesia di riprenderti le tue parole e mettertele dove puoi ben immaginare
      perchè tu e io, visto che per fortuna non dipendo da te per vivere, non abbiamo mai mangiato
      allo stesso tavolo ne dormiamo sotto lo stesso tetto....
      Se ti sta bene... va bene cosi, altrimenti fattela andare bene e non rompermi più i maroni.
      ovviamente tutto questo condito da sorrisini e ammiccamenti...
      sia chiaro
      :-)


      Elimina
    11. Credo sia inutile dirti che dimostreresti maturità e intelligenza a non replicare, vero?
      Bene, sappi che per educazione e per rispetto, ovviamente verso Andretta e i suoi lettori,
      puoi anche studiare tutta notte una velenosa risposta alla quale, sappi, non darò per nulla
      peso, giusto per fartelo sapere che nel caso non ti darò nessun tipo di soddisfazione..
      sai, il blog non mi pare il tuo e quindi non ti rispondo più.
      Buona continuazione
      (forse non hai messo bene il limone o non era abbastanza grande)
      :-)

      Elimina
    12. Basta ragazzi, qui non si litiga.
      Questo è un blog pacifista :-) nonché tollerante. C'è spazio per tutte le opinioni.
      Vedetta, in questo caso la tua non mi è piaciuta ma ehi, non sarà mica la prima volta no?
      Ah volevo anche dirti.... io fumo.... te lo segnalo nel caso - speriamo mooooooooooooooolto lontano nel tempo - in cui ti trovassi a scrivere due righe in mia memoria.... ;-)

      Elimina
    13. Ok ..

      Ne terro' conto quando scriveró l' elogio funebre ... ma sai che proprio l'altro giorno non so per quale strana coincidenza cosmica stavo pensando... ma la puffola sará minga una fumatrice ? Et voilá...ecco la conferma

      Quanto fumi ?

      :-)

      Elimina
    14. meno possibile
      sotto il mezzo pacchetto al giorno.
      troppo comunque.

      Elimina
  8. Sono quelle notizie che ti lasciano davvero senza parole, e che ti fanno riflettere tanto..
    Un pensiero per la tua collega e per suo marito

    RispondiElimina
  9. Situazione differente, ma capisco: della mia classe delle elementari ho perso finora due compagni, entrambi per incidente stradale, una d'auto (colpo di sonno) e l'altro proprio di moto.
    Tra l'altro, la tomba del secondo è sul percorso che faccio al cimitero per andare da quella di mia madre a quella di mia zia, e la cosa commovente è il messaggio che la famiglia ha fatto incidere sulla lapide: una sorta di letterina allo zio da parte della nipotina (all'epoca dell'incidente la sorella del mio compagno era a fine gravidanza).

    RispondiElimina
  10. No, non ci sono parole.
    Sono cose che sconvolgono anche solo a sentirle, vederle cosi' vicine a noi spaventa e impaurisce.

    Mi dispiace, davvero.

    RispondiElimina