domenica 10 febbraio 2013

LEZIONI DI BUONE MANIERE

Qualche giorno fa il Nin è tornato dall'asilo lamentandosi che alcuni bambini lo prendono in giro.

Nin: ecco, vedi mamma....Pinco, Pallino e Pallina mi dicono che io sono una femmina!
Puff: Una femmina?? Ma come!
Nin: si si dicono così, ma io non sono una femmina, vedi guarda (fa per calarsi le braghe): ho il pisello
Puff: ehhh si si, lo so che sei un maschio, metti via l'attrezzatura! Ma come mai dicono che sei una femmina?
Nin: perchè uso il rosa e il viola quando faccio dei disegni!
Puff: Ehhh vabbè ma dai... scherzano... è solo per giocare, non dicono mica davvero...
Nin (afflitto): si si, eccome!!

Alla conversazione assiste il PG, che decide inopinatamente di intervenire.

PG: Frate, te lo dico io come devi fare a farli smettere: menali!
Nin (viso rischiarato da un sorriso di sollievo e da un'improvvisa ritrovata attenzione): li meno?
Puff: PG, ma insomma, no!! che gli dici!! Non si menano i bambini!!!
PG: Senti tu gli dici le cose da mamma, io gli dico le cose da fratello maggiore. Ora è il mio turno. Chi sono quelli che ti sfottono, frate?
Nin: Pinco, Pallino e Pallina dei verdi.
PG: ecco, allora, Pallina è una femmina e non la puoi menare, la puoi solo insultare...
(Puff: o_O)
... invece Pinco e Pallino li meni proprio, dopo che li hai suonati a dovere vedrai che non ti sfottono più. Tu li prendi così e così, fai questo e quell'altro, li rivolti di su e di giù.....

E via di questo passo per un bel 5 minuti.
Dopo questa illuminata lezione, il Nin rimane in camera a disegnare, e la sottoscritta madre perplessa dalla cucina lo sente canticchiare.... "iooo li menooooo Pinco e Pallinooooo li menoooo di bruuuuutttoooooooo gli doooo un saaaacco di botteeeeeeee"

E mentre già mi immagino bambini insanguinati e titoli di giornale, la soluzione a questo spinoso problema si para innanzi ai miei pensieri improvvisa ed inaspettata.

Puff: PG, facciamo così. Tu dai pure le tue lezioni a tuo fratello. Ma se la MaestraC. mi convoca in seguito a fatti di sangue avvenuti in salone, pigli su e ci vai tu a spiegarle il come e il perchè, io non ne voglio sapere niente. OK??

Incassato l' OK del figlio maggiore, la qui presente Puff-Pilato può tornare in soave beatitudine ad occcuparsi della cena. Del resto, chi è che ha detto lasciate che i pargoli si arrangino da soli ?

Che dite? non era proprio così, la frase?
Vabbè.......








13 commenti:

  1. Lo so non e' un consiglio da mamma, ma dal punto di vista del fratello maggiore, il discorso non fa una piega...e dicendo ok, si è preso anche le sue responsabilità.

    RispondiElimina
  2. non avendo figli posso dirlo? quando ci vuole, ci vuole!! :D

    RispondiElimina
  3. Il fratello maggiore deve fare il fratello maggiore! ;)

    RispondiElimina
  4. Ma quanti anni ha il fratello maggiore?

    RispondiElimina
  5. Hii Hii Hii mi piace questo Puff pensiero ;-)

    RispondiElimina
  6. Da mamma non lo posso dire ufficialmente......ma detto tra noi........ c'ha ragione il PG!!
    ;-)

    RispondiElimina
  7. io direi che il fratello maggiore ti ha levato "le castagne dal fuoco", così tu non ci perdi la faccia e tuo figlio può imparare a reagire (che forse sarebbe meglio di menare, ma vista l'età...) ;-)

    RispondiElimina
  8. Se il rosa è davvero un colore "da femmine", deduco che questi tre genietti dell'arte disegnino soltanto puffi (blu) o marziani (verdi)... :P

    RispondiElimina
  9. Mmmmh devo nascondere un po' il mio lato da "sorella maggiore" nei prossimi anni, dici?

    RispondiElimina