venerdì 10 marzo 2017

DI INGRATI


Io sono una donna disordinata e distratta. Mi dimentico le cose.
Mi piacerebbe essere come quelle che hanno sempre tutto sotto controllo, sanno cosa succede, quello che devono fare e come con settimane di anticipo. Ma niente da fare.
Orde di scadenze mi sfilano davanti come i Pompieri di Viggiù sbeffeggiandomi come scimmie allo zoo. "Mi hai mancata, mi hai mancata" cantano. 'Ste stronze.


Nonostante questo, sono rappresentante di classe alle elementari e assistente dell'U10 di rugby.


Perché sono anche distratta, però sono disponibile.
Tutti gli anni a settembre la stessa storia: lo fai ancora tu, vero? Ma anche no, se qualcun altro vuole proporsi cedo il posto volentieri... Ma nooooooooooo tu sei cosìììììì brava.


E #sticazzi!


Ieri sera al campo dovevo consegnare le pettorine nuove. Le ho consegnate ai genitori che accompagnavano gli atleti all'allenamento ma non avevo carta e penna sotto mano quindi non ho segnato chi l'ha presa e chi no. Voglio dire, i bambini sono 14 in tutto incluso Lore, quanto casino mai si potrà fare? E niente, c'è stato chi ha detto che volevano darmi il premio di peggior assistente dell'anno. Scherzando, certo. Ridendo. Però intanto.......


Bene, signori miei, ora vi spiego il mio punto di vista.
Intanto, col lavoro che arriva gratis et amore dei bisognerebbe semplicemente dire grazie e non fare tanto gli schizzinosi. E poi, scusate, neh? ma io vi avevo avvertiti. Non è che abbia millantato chissà quali straordinarie capacità organizzative o precisione mentale o che altro.
Ragazzi questo lavoro non fa per me!
Queste precise parole ho detto, a settembre. Chiare e tonde.
Avete trovato comodo comunque? Embé lamentarsi ora è tardi e meriterebbe un bel calcio in culo!


E che cavolo!
Ma l'anno prossimo col fischio che mi ribeccano.
Finirò il mi quinquiennio come rappresentante di classe, perché nessun altro vuole farlo, ma al rugby no, proprio no. Mi sono rotta. Torno a sedere sugli spalti signore e signori, a godermi le partite con i tifosi, bere birra in compagnia ed incitare il mio bel capitano scatenandomi finchè mi pare, invece che stare in campo in piedi, a rovinare le scarpe nel fango, contenere il tifo e spaccarmi genericamente los cojones.


Così sia scritto, e così sia fatto.

7 commenti:

  1. ciao Puff! volevo ringraziarti per il saluto sul blog della Impe, mi ha fatto davvero tanto tanto piacere sapere che ti ricordi di me :)
    ho abbandonato da diversi anni ormai il mio di blog,mi ero un po' stancata e sono nate altre passioni, ma ho continuato a leggere te e poche altre, anche se in silenzio :)
    un abbraccio cara e buona serata, Sgiu

    Ps: diamoci la mano, sono rapprensentante anch'io nella classe di PiccoloU ( che ormai tanto piccolo non è visto che la stessa età del Nin) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, fatti sentire qualche volta dai!!!!! :-)

      Elimina
  2. Io alle rappresentanti dei miei figli dico sempre "brava" e "grazie". Perché è un lavoro ingrato e nessuno lo vuol fare, quindi se c'è qualcuno che si rende disponibile va solo incoraggiato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-) ma in realtà come rappresentante va abbastanza bene, è il rugby che non gira!

      Elimina
  3. Io invece credo che abbandonerò anche la rappresentanza di classe...per gli stessi motivi!

    RispondiElimina