lunedì 2 maggio 2016

IL SESSO DEGLI ANGELI - post lungo

Anche se non si tratta di angeli in senso letterale.

Premessa no. 1:
Anni fa pubblicai un post sul Ric - allora conosciuto come PG - nel quale parlavo del fatto che mi aveva confessato tra l'imbarazzo e le grasse risate di baciare in maniera affatto casta la sua morosina di allora. Lui 11 anni, lei 12. Quel post scatenò una ridda di commenti sull'opportunità che a 11 anni già si producesse in tali performancese e pure una mezza rissa... senza mezza va!... con l'amico Vedetta che ne disse di cotte e di crude :-) Ti ricordi Vedetta? Quanto mi facevi incazzare!!!! :-D
In seguito allo sviluppo e al protrarsi della love story, parlai con una psicologa dell'età evolutiva e lei mi disse che l'età era assolutamente adeguata, tantopiù se lui aveva sempre dimostrato una certa precocità nella crescita (cammninare, parlare ecc....) e pertanto non c'era nulla di cui allarmarsi. Siccome così era, non mi sono allarmata.

Premessa no. 2:
Io sto con il GG da quando avevo 19 anni. Lui viveva da solo e quindi ovviamente avevamo tempo e luoghi a disposizione per l'intimità. Passavamo parte delle vacanze insieme. Quando avevamo 20 anni per una serie di circostanze ci venne comodo passare un paio di giorni di vacanza a casa di una mia zia al mare, casa dove stavano in quel periodo anche i miei genitori e tutti i cugini (una casa molto grande....). Una tappa logistica in attesa del traghetto che ci avrebbe portati in Grecia. In quella circostanza mia madre ci preparò stanze separate: benchè stessimo andando in vacanza insieme, mio padre infatti non voleva avallare il fatto che dormissimo insieme "sotto il suo tetto". Faniente che il tetto in realtà non fosse il suo: lui è uomo di altri tempi (compie 80 anni oggi) e finchè sapeva ma poteva far finta di non sapere, andava tutto bene. La cosa allora mi infastidì tremendamente (anche se naturalmente da madre ho una visione più morbida, oggi) al punto che tempo fa parlando di argomenti seri col Ric gli promisi che non mi sarei mai comportata allo stesso modo, che non sarei mai stata ipocrita e che il sesso - se fatto con due dita di cervello in vari sensi - non sarebbe mai stato un problema.

E' quindi con queste due premesse ben chiare in mente che mi accingo a raccontarvi che sabato verso l'ora di cena,  il Ric mi si è palesato chiedendomi con (secondo me falsa) calma serafica se sarebbe stato un problema se M. si fosse faremata a dormire da noi per quella notte.

Primo istinto: altrochè se è un problema!!! E bello grosso anche!!!
Ho trattenuto le parole ma devo aver strabuzzato gli occhi fuori dalle orbite, perchè il Ric ha subito tenuto a precisare che, insomma, dove sta il punto: stanno soli a casa nostra e/o di lei un sacco di volte, quindi che differenza fa.

Eh.
Che differenza fa.
La verità è che fa differenza, nella mia testa almeno, ma non è una differenza logicamente spiegabile.
E se non è logicamente spiegabile... praticamente non esiste.

Naturalmente ho pensato subito di appellarmi ai due capisaldi dell'educazione di qualunque madre che si rispetti:
1) sei troppo piccolo
2) non finchè non vai bene a scuola

ma entrambe le soluzioni non mi sono sembrate praticabili in quanto la scuola non c'azzecca niente e se lui mi avesse chiesto "cosa c'entra?" non avrei avuto nulla di davvero razionale da rispondergli. E l'età, beh, come dicevo non è che sarebbe stata la classica scintilla vicino alla paglia, perchè occasioni di stare soli e comodi ne hanno comunque, e francamente dubito che aspettassero il mio divano come la manna dal cielo.

Inoltre un altro adagio delle mamme recita "meglio a casa che almeno so dove sono invece che dietro qualche cespuglio col rischio di incorrere oltretutto in qualche disavventura", e anche questo mi è passato per la mente.

Ma soprattutto mi è sovvenuto che dopotutto, nonostante io racconti in giro che il Ric è un malmostoso sempre imbronciato e che non racconta niente nemmeno a tirarglielo fuori con le tenaglie, alla fine della fiera è venuto da me, mi ha fatto una richiesta onesta, senza nascondermi nulla (nemmeno il fatto che avrebbero attinto al fondo di bottiglia di vodka alla menta nel mio frigo) parlandomi con la massima sincerità. Avrebbe potuto dirmi che andava a dormire da qualche suo amico ed andre da lei, o raccontarmi qualche altra cazzata, invece no: mamma, voglio dormire con M, penso che non ci sia niente di male per cui da brava, dammi il permesso.

Del resto, il permesso di cosa poi? Di fare sesso?
La libertà di fare sesso uno se la prende quando vuole, e le occasioni se le crea. Mio padre era molto severo, ma io ho sempre fatto quello che ho voluto, pur senza andare a dormire o invitare a dormire da me nessun moroso. E avevo solo 6 mesi più di Ric.

Certo, avrei potuto dirgli assolutamente no, senza dovermi giustificare o rendergli conto della mia decisione: dopotutto sono io la madre, se decido decido e non ti devo alcuna spiegazione. Ma come la mettiamo con la premessa no. 2? "Mamma avevi detto che non sarebbe mai stato un problema". Eh si, accidenti, l'avevo proprio detto.

L'ho spedito a chiedere il permesso a suo padre pro-forma, ma sapevo già che sarebbe stato un si (il GG: va bene, può restare, ma sappi che per tutta la notte, random, tua madre tuo fratello ed io verremo in sala a turno, a fare un giro... così, senza preavviso!).

E così sabato sera alle nove mi sono trovata ad aprire il divano letto davanti alla tv, metterci delle lenzuola pulite, impilarci cuscini e trapunte, riordinare un po' qua e la (mica fare brutta figura con la nuorina) rimurginando sul tempo che passa. E sulle decisioni prese. E se avevamo fatto bene. E se non è - dopotutto - davvero troppo piccolo. E se non sta bruciando le tappe (la psico diceva di no). E se fa tutto questo adesso poi a 20 cosa fa (ancora questo, direi) E quanto è bello avere 16 anni (quasi) ed essere innamorati.

E se devo essere onesta mi sono sentita bene, serena e felice per lui.
Io non sono certamente una di quelle che perchè adesso la morosa viene a casa, devono sposarsi e stare insieme tutta la vita. Però devo ammettere che avere una ragazza in giro per casa un po' impressione me la fa. Ma più che altro per me, per me e il GG che guardiamo questa cosa con una sorta di dejà vu.... eh, si, anche noi....qualche bugietta di più, qualche fuga di più, ma  nella sostanza....

Ieri mattina abbiamo dormito un po' più a lungo, abbiamo fatto colazione con il Nin, ma quando si son fatte le 10 embè, volevo riappropiarmi della mia sala! Ho tirato su le tapparelle trovandoli che dormivano tutti puccipucciosi vicini vicini, li ho sbrandati, colazionati, e la signorina è tornata a casina sua. Il Ric appena sveglio ha fatto una verticale perfetta di circa 3 minuti, quindi l'ho considerato sobrio, nonostante la vodka alla menta.

Ma in realtà non è tanto aver visto il Ric abbracciato ad una ragazza in un letto a due piazze. La cosa che mi ha fatto sentire veramente una vecchia balenga è stato il discorso del circo. Avevo i biglietti per il circo ieri pomeriggio, volevamo portarci il Nin ma alla fine sono venuti con noi anche il Ric e M.
Ritratto di famiglia con morosa.
Il tempo è davvero passato.
Chissà se anche io facevo quell'effetto alla mia suocerona i primi tempi che le giravo per casa. Dopotutto, avevo l'età di M.

35 commenti:

  1. Cara Puff, io sono tra le generazioni di mezzo tra te e il tuo figliolo (non so quante: ho 32 anni e lui ne ha 16, tu non so quanti :D ) però però però a me questa cosa non piace proprio, non mi piace l'idea della "promiscuità" e che a 16 anni già mia madre conosca la persona con cui mi frequento, della mamma che ci prepara il lettone, non mi piace questa idea di genitore bravo, bello, comprensivo e moderno. Che ti dirò, sono all'antica? Può essere.
    Non mi farebbe piacere se mio figlio dormisse con una nell'altra stanza (io ho potuto farlo ma non ho VOLUTO proprio perchè -ma te pare, ci stanno i miei di là- ), il discorso sulla "nuorina" mi ha dato proprio la mazzata finale, ma non ti senti a disagio? Ma poi lei che voglia ha di passare del tempo con i genitori del fidanzatino? Era così bella l'adolescenza ribelle, fare qualcosa di nascosto e raccontare qualche balla ai genitori. Ci siamo passati tutti e siamo cresciuti benone (tolto casi patologici, ovviamente). Vabbè Puff, non so dove andare a parare perchè credo che il mio punto di vista diverso sia proprio "ideologico", tu essendo una persona intelligente però non ti sentirai minimamente offesa da questa mia esternazione , lo so.

    A presto,
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho 44 anni Vale.
      Non attribuisco nessuna importanza al fatto di conoscere o meno le ragazze che mio figlio frequenta, semplicemente perché sono allergica a qualunque idea di ufficialità in qualunque contesto, e anche se non lo fossi sono consapevole he non spetta a me dire cosa è e cosa non è ufficiale in quel campo.
      Non mi imbarazza affatto avere M. per casa, perché dovrebbe?
      E' una ragazza a modo, gentile, educata, carina, perché dovrei stare a disagio? E poi, è lei la morosa al limite si sentirà lei a disagio, mica io!! E comunque chi mi conosce sa che è totalmente impossibile mettersi in imbarazzo davanti a me. Non mi disegnano per imbarazzare il mio prossimo :-)
      Quanto all'adolescenza ribelle... mah.
      Certo è bella per i ribelli. Forse. A volte.
      Io mentivo a ogni piè sospinto perché i miei erano molto severi e alle volte avrei voluto, ohhh come avrei voluto una vita più semplice senza tanti casini!
      E poi, per un genitore? E' così brutto sapere che i figli non ci mentono e non ci intortano per farsi i cazzacci loro e magari correre dei rischi inutili?

      Di base, non trovo alcuna argomentazione logica e razionale per pentirmi della decisione (o per prenderne una diversa l'altra sera)al di la dei vari "non è il caso, non si fa, non mi piace". Certo come ho detto, mi fa molta impressine. Ma la promiscuità se la godono comunque, alla loro età, come facevo io.

      Elimina
    2. ... ah, e ovviamente no, non sono minimamente offesa!!!!!

      Elimina
  2. Piuttosto, io son curiosa di leggere il primo post incriminato, me lo linki da qualche parte??
    V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccolo :-)
      http://lavitasecondolapuff.blogspot.it/2012/01/shock-ah-no-scusate-volevo-dire-smack.html

      Elimina
    2. Letto tutto e soprattutto i commenti! Ma Ex è il buon vecchio vedetta?
      Vale

      Elimina
    3. si, ai tempi si faceva chiamare Ex Tredicenne :-)

      Elimina
  3. Però Puff, io in linea di principio potrei anche essere d'accordo con te, le tue argomentazioni sono valide e sensate, se "però" non ci fosse un pesante problema scolastico. Non è vero che non c'azzecca e che le due cose sono scollegate: il mio discorso è "se i tuoi genitori ti riconoscono abbastanza adulto da non avere nulla in contrario che tu passi la notte in casa con la tua ragazza, allora devi essere altrettanto adulto per quanto riguarda i tuoi doveri, ossia la scuola. Altrimenti non ci siamo: adulto per i diritti e non per i doveri?".
    Io non gli avrei fatto passare la cosa proprio per il problema scuola. Poisi sa, con i figli degli altri a parole siamo tutti bravi... ;)

    ELLEVIBI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione. E' un buon punto. In casa mia non esistono diritti acquisiti quindi se sarà il caso me la giocherò per le prossime volte.
      Elle! Quanto tempo!! mail tuo blog?

      Elimina
    2. Il mio blog è chiuso da quel dì ;) (2014)
      Si era verificata una situazione grave e molto delicata, non era proprio possibile scriverne sul blog e scrivere senza parlare di quello era impossibile.
      avrei tante novità, ma non è più cosa, non riesco più a condividere pubblicamente e il blog privato non mi piace. Sai che N1 si sposa? ma ci pesni? mi sembra ieri che scrivevo delle sue malefatte adolescenziali e di facciacarina...che peraltro NON è la sposa...

      ELLEVIBI

      Elimina
    3. lo so che è chiuso, pensavo che magari potevi aver aperto da qualche altra parte. Peccato Elle, mi piaceva tanto leggerti!
      N1 si sposa......... porcapaletta!!!! Ma tante tante congratulazioniiiiiiii!!!!!!!! Come vola, eh?

      Elimina
  4. io non so se sarei riuscita a far nulla coi miei in giro, però credo che rispetto al rischiare in giro, meglio così.
    (eppure capisco assoluatamente Vale)

    P.s: Auguri al tuo papà! e anche a me ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri Slog! Auguriauguriauguri.

      Si ma poi che sia detto tra noi, non penso che abbiano fatto chissachè neh??

      Elimina
    2. Mi sorge un terribile dubbio Puff: vuoi vedere che i fantastici 5 vogliono costruirsi una base per trasformarla in un'alcova??
      Se ci chiedono di metterci pure il divano....ussignur!!!
      Comunque il Ric è proprio fortunato ad avere due genitori come voi. Lui lo sa????

      Elimina
    3. in realtà credo che ci detesti :-D
      però quello sì, è l'età...

      Elimina
  5. Oh mamma mi fai paura!! A ste cose non ci riesco nemmeno a pensare!!!
    Però una cosa la so quasi per certo: voglio conoscere le morose o i morosi, possono venire da noi, stare pure a dormire...ma non nello stesso letto, è più forte di me, facevo fatica io a dormire insieme al Navigante dopo esserci sposati in casa di mia madre i primi tempi! Magari stessa stanza, ma letti separati?? Non lo so, ma insieme non credo proprio di farcela!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisogna avere un numero di letti adeguato per quello... io ho un divano letto...... :-)

      Elimina
  6. Sono in piedi e ti sto applaudendo!! Ti stimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie PAT, vedremo se saprà meritarsi il trattamento "adulto" che riceve. Altrimenti torneremo sui nostri passi.

      Elimina
  7. Eh... direi che è una bella patata...

    "Si ma poi che sia detto tra noi, non penso che abbiano fatto chissachè"
    onestamente lo credo anch'io ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Riccardo, patata no, ti prego!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. beh, è una bella questione, non trovi?
      forse siamo più noi che vediamo dietro una questione di sesso, magari per loro (e in un certo senso mi piacerebbe pensarlo) è solo la voglia di dormire vicini.

      Elimina
    3. Hai ragione. Io sono stata un po' accecata dalla,differenza d'età, ma tutto sommato potresti non avere torto.

      Elimina
    4. mi fa' piacere ;-)
      Del resto siamo noi che siamo avanti con i pensieri, con i ragionamenti e facilmente pensiamo male...

      Elimina
  8. Hai fatto bene. Hai fatto secondo me la scelta giusta. Non la scelta piu' facile eh, ma la scelta piu' giusta.

    RispondiElimina
  9. Sto riflettendo sul tuo post da un po, avendo due figli circa della stessa eta.
    Ma una domanda:perché gli hai fatto tu il letto? Se sono grandi abbastanza da dormire insieme non sono grandi abbastanza anche per quello?
    Crescere sono sia diritti che doveri, e auto consapevolezza che avere mamma dietro che ti fa il letto stona non poco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essenzialmente perché il divano letto non veniva aperto da quando il nostro gatto ci rimase schiacciato sotto 6 anni fa e mi è parso il caso di una accurata pulizia..... Ric non voleva nemmeno che lo aprissi voleva dormire sul divano x salvaguardare i due gatti che abbiamo ora. È andato in ansia...

      Elimina
    2. Comunque ho messo solo il lenzuolo di sotto, il resto l'ho impilato

      Elimina
  10. Minkia Puffola,

    Anche la bottiglia di vodka... ma che cacchio o.O

    Anche se quella aromatizzata alla menta deve essere "sfiziosa" .. ( ma stiamo divagando) ...

    Comunque venendo alla questione del post (difficile molto difficile ) alla fine ... guarda ... hai anche tu le tue ragioni e fai bene ad avere una attitudine morbida e "liberale" per quel che riguarda i figlioli, l' importante pero' é mantenere sempre un equilibrio ... non sbracare nella liberalitá pur avendo attenzione a mantenere le maglie del controllo "larghe" a sufficenza da non soffocare le persone .... insomma probabilmente hai fatto bene speriamo almeno che il pirla fancazzista te ne sia grato perché non era per nulla una decisione scontata.

    Concordo ampiamente con quanto emerso nei commenti. Il punto critico é che in differenti circostanze, vale a dire con un rendimento scolastico quanto meno passabile o buono poteva passare tutto di cavalleria senza troppi patemi d'animo invece qui sembra che per che manchi un dovuto equilibrio tra il dovere e il piacere... tra il dare e il prendere.

    Una educazione familiare liberale e tendente al rispetto reciproco vale a dire diretta a trattare i figli come piccoli "adulti in divenire" , col rispetto che si deve agli adulti e alla libera capacitá di determinarsi è importante direi fondamentale per la crescita e tutto ció che é legato alla persona e alla formazione individuale e sociale. I tuoi figli hanno tutto ció che si puo' desiderare per diventare col tempo adulti equilibrati, buoni cittadini, buoni padri di famiglia, buoni artisti o buoni professionisti ... buoni "esseri umani" .


    CIO DETTO

    L' amico Ric ( anche noto come PG ) si trova oggettivamente al momento con un deficit scolastico pesantino che gli sta costando il rischio di bocciatura (speriamo di no), dovuto a cazzonaggine pregressa e cumulativa, inoltre ti sta facendo sputare l'anima per farlo studiare da prima di natale e nonostante tutto l' impegno da te profuso rischia di giocarsi l' anno.

    Come hai detto ( e si puo' essere d'accordo al 50/50) le due cose non debbono essere necessariamente legate per cui punirlo per una cosa in luogo di un altra puo' sembrare irrazionale... pero' ... pero' ... mi pare che veramente il Ric (forse) stia tirando un pochino la corda oltre il necessario e l' opportuno. O si tratta semplicemnte di beata incoscienza unita al fatto che conoscendoti da tutte queste cose per scontate e quindi se ne approfitta diciamo cosi tra virgolette un po' a 360 gradi. Puffola tu dal tuo cantuccio ti stai lasciando tirare.... perché sei buona.

    Quindi alla fine.... post "inconclusivo" con commenti altrettanto "inconclusivi" visto che non ci sono risposte facili.... e non ci sono risposte giuste o sbagliate in assoluto.

    Speriamo che la vita nel percorso futuro premi sia te e tuo marito per la liberalitá ... e lui con un minimo di sale in zucca per apprezzarlo.

    Facci sapere come procedono le cose in generale.... perché sembra sempre di piu' una lotteria.


    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è abbastanza così come dici tu. Io tendo ad essere il meno punitiva possibile, preferendo incoraggiare che cassare, e sono un po' "ingenua": spero/credo sempre per il meglio.
      Faccio continuamente "atti di fede" nel senso che tendo sempre a pensare il meglio di tutti, quindi figurarsi dei miei figli.
      Questo è stato un po' il discorso di sabato sera: stante che il sesso come dico e ripeto per me non è un problema (e comunque dubito ci sia stato), ho cercato di premiare invece che punire. La serata era per festeggiare il bel voto che Riccardo ha preso giovedì e ho pensato meglio non frenare il momento di entusiasmo, che per quanto riguarda Ric, è merce rara.
      Però il discorso è chiaro, ed è stato pesantemente ribadito anche ieri mattina: privilegi da adulti comportano doveri da adulti. In particolare, un adulto sa quel che deve fare, e lo fa. Se il suo comportamento si manterrà adeguato, bene. Altrimenti ciao ciao privilegi. E con privilegi non parlo del dormire insieme, ma parlo anche solo delle uscite del sabato pomeriggio. Non so se Ric sia pienamente consapevole, ma di sicuro ieri mattina tra io e suo padre gli abbiamo dato una bella scrollata per vari motivi... al punto che ieri pomeriggio ha portato giù la pattumiera senza che gli sia stato richiesto, a momenti casco per terra quando l'ho visto uscire dalla porta col sacchetto in mano. Ultimamente inoltre gestisce anche molto meglio le levatacce mattutine, che erano diventate un problema di lungaggine e lentezza e farsi chiamare mille volte. Da alcuni giorni è tornato su binari migliori, si alza, si lava, si veste velocemente, facciamo colazione insieme ed esce di casa puntuale.
      Lo so che sono piccole cose ma la realtà è che teoria e pratica sono cose molto diverse.

      In parte, il discorso è anche che non ero preparata a questo tipo di scontri con lui. Essendo il Ric la persona matura che è ed è sempre stata, immaginavo nella mia ingenuità che si sarebbe auto-regolato.

      Mi sbagliavo, beh.

      Elimina
  11. Ho letto e mi sono commossa e spaventata. Crescono e crescete voi con loro, mia cara suocera!

    RispondiElimina
  12. PUFFOLA

    Mi è venuto in mente adesso .. se hai fatto una foto dell' uscita al circo come hai detto sopra nel post con tutta la famiglia al completo inclusa anche la nuorina al seguito e te la senti di pubblicarla ( privacy permettendo ) sarebbe una cosa carina ... anche per vedere che "faccia" avevi mentre ti sentivi un po' vecchia balenga e giá anche un po' nonna (quasi).

    PS. Va beh ... ovviamente scherzavo quando dicevo giá quasi nonna ( fai pure gli scongiuri del caso )

    :-)

    RispondiElimina
  13. Come minimo devo domandare al Ric. Vediamo.
    Quanto agli scongiuri, la farmacia sotto casa ne è piena!!!!!!

    RispondiElimina