martedì 4 settembre 2012

.... ED INOLTRE:

Per concludere il discorso del post precedente (concludere? vedremo...), c'è un'altra cosa.

La critica più frequente alla trilogia di cui.. sotto... è che quei due fanno sesso sempre e comunque, di continuo, in qualunque situazione, condizione, luogo o momento.

Persino, come dice Ice, dentro una macchina nascosta in un parcheggio in piena Seattle, dopo un inseguimento automobilistico che manco Bo & Luke Duke.  Giusto per allentare la tensione.

Ma io mi dico... ecco... lo so: ora mi prenderete per una assatanata ninfomane fuori di testa.... ma.... fare l'amore è attività piacevole, rilassante, rigenerante. Rilascia certe endorfine che tiran giù le persiane a gomitate. Rafforza il legame tra i partner, migliora l'umore e la forma fisica. Dio, persino i capelli diventano più belli se scopi tanto!!!!!!!

E dunque... perchè mai non bisognerebbe "usarlo" anche in quelle circostanze???

Di nuovo, noi agiamo al contrario, tutti quanti.
Arriviamo a casa dal lavoro stanchi e nervosi, e per questo motivo, non ne abbiamo voglia.
Ma dovrebbe essere il contrario: ne abbiamo voglia proprio perchè siamo stanchi e nervosi.

Cosa c'è di più meraviglioso dopo una dura giornata, dopo aver subito le ire del capo, l'antipatia dei colleghi, l'ansia dei clienti, aver fatto la coda in posta e la fila in macchina... che rifugiarsi tra le braccia di chi amiamo?? Se poi la cosa provoca anche qualche brivido assai piacevole??????

Lì immagino che sia questione di come la cosa viene vissuta.
E di quanto si ama, anche.
Per un uomo, in generale... sesso è sesso ed è disgiunto dai sentimenti (purtroppo), perciò probabilmente questo ragionamento non funziona tanto.

Perchè invece dobbiamo ribaltare cause ed effetti e negarci questa possibilità di star bene? meglio?
Cos'è, questione di cultura, o sovracultura? E' perchè sotto sotto il sesso ci continua ad apparire "sporco", nonostante tutto?? Inadatto, per esempio, al ruolo di madre? E' perchè certe cose non si addicono alle persone per bene?

Ma se la cosa funzionasse... se riuscissimo a farla funzionare per tutti, quanto bello sarebbe??

Oddio, vero è che per quanto ne so.... pochi uomini ci danno di acceleratore per tornare a casa presto, pochi pochissimi trovano ristoro nel ritorno a casa. A volte, ho la sensazione che preferirebbero lavorare ad oltranza.
Ma che splendida vita sarebbe per coloro che riuscissero a chiudersi la porta di casa alle spalle e dire "oh finalmente sono qui, dove posso dare e ricevere amore senza condizioni e dimenticarmi del resto"

Che splendida vita attende coloro che sapranno mettere la relazione - dentro e fuori dal letto - al primo posto della lista. Coloro che capiscono la differenza tra e cose che contano e quelle che sembranno solo contare.

Perchè alla fine si riduce tutto a questo.
Questione di priorità.
Essere in cima alla lista, o non esserlo.







16 commenti:

  1. Hai ragione.
    Per quanto mi riguarda in ferie sembro una ninfomane, poi in città mi adeguo al grigiore. E non và per niente bene

    RispondiElimina
  2. sul fatto che fare l'amore fa bene e non ci dovrebbero esser molte cose meglio non discuto... la critica più feroce però non è che lo fanno troppo, ma che la trama fa un po' ridere! no? !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che altro è inesistente.... un inframmezzo tra un amplesso e l'altro (e cmq è la stessa trama di twilight!)

      Elimina
  3. Puff hai ragione, ma parliamoci chiaro.
    Quando ci sono i figli a casa, il sesso è relegato alla notte.
    E quando dormi solo 5-6 ore per notte, alle 21 già crolli.
    Amen.
    Non so come mi comporterò coi figli grandi, ma per adesso lo ammetto, spesso mi devo sforzare. Non è questione di priorità, non c'è nessuna lista in cui primeggiare, è solo che alla sera sono stanca, davvero tanto stanca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè Sle il mio è un discorso generale. Ovvio che ci sono situazioni e situazioni. Anche io ho passato periodi a lavorare 12 ore e dormirne 5 ed ero morta stecchita. Chiaro.
      Puff slogged

      Elimina
  4. Che argomento Puff! Quante cose vorrei dire...
    Mettiamola così, cercherò di essere sintetica.
    Il sesso è un'attività sana, fisiologica che si fa (almeno) in coppia.
    I componenti della coppia devono essere d'accordo sulla modalità di svolgimento dell'attività, che in nessun caso deve mettere a disagio chicchessìa.
    Se l'attività è compiuta all'interno di un rapporto affettivo, il tutto si eleva a forma di comunicazione vicendevole del proprio amore, e questo è, a mio parere, la miglior espressione dell'attività.
    Guardandolo in questo senso, il sesso è semplice e naturale. Ho reso l'idea?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ninin, tuo marito la pensa anche lui così?

      Elimina
    2. Sulla comunicazione vicendevole dell'amore, dico.

      Elimina
  5. Sono molto d'accordo con te.
    Mia figlia non ha dormito una notte intera per diciotto lunghi mesi, ed ero stanca, eccome se ero stanca! Ma mai troppo stanca per fare l'amore. Poi fortunatamente abbiamo due coppie di nonni a disposizione che ci consentono di fare le nostre cose con più calma durante il weekend :)

    RispondiElimina
  6. che argomentone...sembra quasi che per noi mamme parlare di questo sia beh diciamo oltrepassato...^^
    ti dico ora come ora ricominio a viverlo come prima della nascita del pupo...per un po' ero diciamo quasi ferma :)
    puff...questi argomenti dovrebbero essere sempre vivi..scrivici ancora..:)

    sono tornata cn poco tempo ma non potevo non venire a non salutarti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, ti leggo sempre con piacere :-)

      Elimina
  7. Puffola, che dirti, hai ragione!
    Oh, come sarebbe bello... lui che torna da lavoro coi coglioni girati perché è stata una giornata di merda, tu hai il morale a terra perché diciamocelo, la mammmitudine casalinga non è tutta torte in forno e guanciotte da baciare, e lui ti porta in camera da letto, porta blindata, per un rapido amplesso che manco Reth e Rossella ai tempi d'oro!
    Invece lui torna coi coglioni girati, si incazza perché ci sono dei giocattoli in giro (ehm... abbiamo un normale appartamento, non un palazzo con un'intera ala adibita a nursery, le tracce di un bimbo presto due in casa si vedono!), rogna persino sul menù della cena perché inspiegabilmente invece di zuppa voleva panbagnato... e allora sì che vorresti avere la frusta in mano (Sdish sdish!) e sì che usarla ti darebbe TAAAAAAAAAAAANTA soddisfazione!!! ahahaahahh!!!
    Ma lo sai quanto tempo "sprecato" a fare quei giochini come preludio all'incontro vero e proprio, i primi tempi del matrimonio? poi siccome so che le perle ai porci non si danno, ho proprio smesso!
    Ora a colpi di frusta virtuale sono riuscita quantomeno a farlo smettere di sfogare su di me con maltrattamenti morali i suoi giramenti di coglioni estranei alla famiglia.
    Quando vedo che progredisce ancora un po' a livello umano, magari si ricomincerà pure a giocare.
    E per ora si accontenti della botta di "vita" alla prima occasione (bimbo addormentato, bimbo a scuola - L'Uomo è turnista), sempre che non abbia fatto girare i coglioni A ME. Che poi, come si dice, chi si accontenta gode. ;-)

    RispondiElimina
  8. Mela, che dirti... Il quadro é perfetto.
    Sai quale é il problema, in generale, secondo me?
    Che i signori maschietti si riservano spesso e volentieri l diritto di rompersi i coglioni della situazione casalinga, e ben lungi dal rendersi conto delle proprie responsabilità nella faccenda, che fanno? No, dico, che fanno?
    Lo sappiamo tutte quello che fanno, giusto?
    Eeeeeeee che ci vuoi fa'. L'omo é cacciatore.
    E la colpa é nostra. Già.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E qui entra in gioco la frusta! sdish sdish!!!

      Elimina
  9. Dici delle cose sagge. La sessualità maschile è certamente diversa. Io ho trovato questo splendido romanzo (http://www.adelphi.it/libro/9788845907470) che secondo me la spiega benissimo: per l'uomo il sesso è soprattutto fantasia...

    Io per esempio trovo molto affascinanti certe cose sado-maso ma dubito che mi piacerebbero nella realtà...
    Non so.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Urban ben ritrovato :-)
      grazie per la segnalazione del libro, magari lo prendo e mi faccio una cultura :-)

      Elimina