lunedì 5 dicembre 2011

Something to be proud of

Ogni mattina - stando a quel che diceva lui- Steve Jobs si guardava allo specchio e si chiedeva "se oggi fosse il mio ultimo giorno, vorrei fare quello che sto per fare?" e se la risposta era "no" per troppi giorni consecutivi, capiva che doveva cambiare qualcosa nella sua vita.

Un insegnamento prezioso, naturalmente, fatto però per chi aveva la possibilità di cambiarla davvero, la propria vita, con un semplice atto di volontà (anche se, ahimè, non gli è servito, dopotutto). Ma io vorrei proporre una lieve variazione al concetto. Come segue:

"ogni sera mi guardo allo specchio e mi chiedo: ho fatto qualcosa di cui andar fiera, oggi? E se la risposta è NO per troppi giorni di fila, so che devo cambiare qualcosa nella mia vita"

Questo è il consiglio che ho dato al GG un paio di giorni fa. Lui sta un po' in paranoia, dice, perchè gli sembra che il tempo passi troppo in fretta e di non combinare nulla di buono in questo tempo che scappa. Naturalmente non è affatto così, ma a che vale cercare di convincerlo del contrario quando la sua percezione è quella?

Così gli ho detto: fai ogni giorno qualcosa di cui andare fiero, e soprattutto, facci caso. Alzati la mattina e dì a te stesso: cosa posso fare oggi per far contenti i miei figli? Per far piacere a mia mamma? Per far felice mia moglie? Trova qualcosa, e poi... Falla.

Per lui è importante ritagliarsi del tempo per se stesso... Lo fa, in effetti (esce non spessissimo, ma ogni qualvolta lo desidera; suona la chitarra; va a correre la domenica) ma forse non gli basta, o non ne ha una corretta percezione. A volte penso che si senta un po'... Stretto. Un po' intrappolato tra responsabilità e doveri. E con una moglie esigente, per giunta :-)

Così... Ho pensato che forse un cambio di prospettiva... Forse concentrarsi, badare, a fare cose che rendano felici qualcun altro potrebbe dargli la spinta che gli serve.

Dopotutto cos'è che da senso alla vita, se non spargere in giro più felicità possibile? Di cosa chiunque potrebbe andare maggiormente fiero?

14 commenti:

  1. in certi aspetti il GG da te raccontato qui mi ricorda Mamo in questi ultimi mesi
    che la tua sia una buona soluzione? quasi quasi ci faccio un pensierino e ti rubo l'idea
    fammi sapere se con lui funziona...

    (anche se forse potrei pure provare a testarla su di me, che male non fa!)

    RispondiElimina
  2. E qui cara puffola pigmea ci ricolleghiamo a qualche post fa... quando hai tirato un muso lungo cosi' a quel poveraccio di tuo marito, che e' gia' stressato di suo .. e non volevi farlo uscire con il suo amico, che peraltro aveva anche un gran bisogno di farlo ed in genere non organizza mai nulla e tu.. invece di "supportarlo" nelle sue giuste scelte e decisioni di prendersi i suoi spazi per aiutare quando necessario i suoi amici in difficolta' ( cosa che accade ogni morte di papa) gli hai anche messo il muso.

    Capisci ora puffola che non devi essere "egoista" con il GG ? Che lo stai tarpando.. soprattutto ora che ha un momento di riflessione professionale e non gli devi rompere le scatoline ?

    Voi mogli italiote siete proprio delle egoista .. e lasciate respirare i vostri mariti ogni tanto.. che due palle ! Soprattutto di questi tempi... tra crisi e stress. Se vi ci mettete anche voi.

    Ciao

    RispondiElimina
  3. Gli hai dato un buon consiglio, son certa che quando farà qualcosa di buono per te o per PG o per il ninnolo il vostro sorriso saprà ricompensarlo alla grande :)

    RispondiElimina
  4. Farò leggere il tuo post all'OPNM. Mi sembra che provi le stesse cose che prova GG.
    Magari il tuo consiglio servirà anche al mio amore :)

    RispondiElimina
  5. Condivido molto quello che hai scritto. Rispecchierebbe il mio approccio alla vita, sebbene spesso me lo dimentichi seppellito sotto lo tsunami di negatività che mio marito riesce a produrre quotidianamente.
    Trovare un senso nella giornata appena trascorsa è fondamentale, altrimenti è un lasciarsi vivere (e comunque purtroppo ci sono periodi in cui ci si lascia vivere e basta...). Un senso che può ovviamente essere fatto anche di piccole cose, ma di quelle che fanno la differenza. E comunque è un abituarsi alla consapevolezza di come si sta vivendo.

    Poi ripeto, nella pratica non è tutto così lineare e facile, ma ci si prova, a periodi alterni...

    RispondiElimina
  6. @ex tredicenne: amico mio, io apprezzo molto avere opinioni maschili e ancor di più quando queste sono diverse dalle mie e pertanto spunto di riflessione. Ma non è la prima volta che ti lanci in giudizi francamente arditi e frettolosi. Forse prima di spingerti a darmi dell'egoista dovresti comprendere che io sto cercando di aiutare mio marito, niente altro. Forse prima di darmi della sfrantecamaroni potresti rileggere il post precedente che ti ha dato tanta noia e verificare che io non ho tenuto il muso, che non ho impedito niente a nessuno ne mi sognerei mai di tarpare ali di qualsivoglia natura.
    Perciò, se non ti rincresce, prova a leggere i miei post, se ti va di farlo, levandoti quel velo di stereotipia sui rapporti uomo-donna da davanti agli occhi, perchè è questo il modo in cui io cerco di scriverli.
    E, giusto per mia curiosità... Sei sposato?
    A presto.
    A.

    RispondiElimina
  7. Cara Puffoletta,

    Hai ragione tendo a non aver mezze misure, adesso sul post di cui parlavamo prima, che mi aveva lasciato un po' quella impressione di tarpamento non mi ricordo i dettagli e non mi va onestamente di andare a rileggerlo per coglierne tutte le sfumature che sicuramente ci saranno.

    Era un discorso generale, in quella occasione potevi essere piu' comprensiva e fare al GG un grosso sorriso e dirgli vai caro, il tuo amico ha davvero bisogno di te, so che passerete una buona serata e tu ti sentirai anche meglio perche' hai fatto quello che sentivi giusto.

    Sul fatto di darti della egoista, in realta' se noti la mia prosa .. non te l'ho proprio dato .. infatti ho virgolettato apposta. Pero' e' vero che l'egoismo e' un tratto femminile italico molto diffuso tra le consorti .. ( anche tra gli uomini in verita') .. oltre a tante altre cose, tra cui la tendenza a metter bronci incomprensibili, una serie di paranoie muliebri .. etc.

    E giusto per tua curiosita' ... sono felicemente single.

    Ciauz

    RispondiElimina
  8. GG è fortunato ad averti accanto!

    RispondiElimina
  9. Penso che farò anch'io così, per me. Ultimamente sono un po' troppo nervosa e mi sembra che per gli altri sia tutto dovuto. E mi sto stancando

    RispondiElimina
  10. saggio consiglio! consiglio di vita, valido per tutti.
    Ma quante ne sai????????

    RispondiElimina
  11. Pero' .. in tutto questo ..mi chiedo .. magari il GG ha bisogno di un po' di piu' tempo per se' stesso e badare alla sua di felicita'... invece di sobbarcarlo con altre "pressioni" .. perche' di quello si tratta. GG ha bisogno di pensare un pochino a rilassarsi per i cavoletti suoi, ( o anche in compagnia della moglie se lo ritiene ) ma ha bisogno di pensare a se' stesso non agli altri.. sicuramente lui lo fa gia' tantissimo. Ne sono sicuro.

    RispondiElimina
  12. Ex 13nne,,,visto che hai questo nick sarebbe anche il caso che te ne ricordassi..e che facessi magari commenti un pò più "da adulto" e non da adolescente appena lasciato dalla fidanzatina il quale pensa che ormai le donne siano tutte uguali..

    Bisous

    RispondiElimina
  13. Ex 13enne mi spiace dirti che non hai proprio colto il punto.

    Mi spiego meglio... il GG HA GIA' tanto tempo che si ritaglia per se. Obiettivamente. Oggettivamente. Ma pare che non ne sia soddisfatto.

    Dunque la moglie italica egoista nonchè sfrantecamaroni, anzichè dire "che cazzo hai da lamentarti" prova a dare una mano con soluzioni alternative. Ci prova, povera lei, mica è detto che ci riesca.

    E la soluzione non è la scoperta dell'acqua calda: se una cosa non funziona, prova a farne un'altra. No big deal. Non è questione di quantità, ma evidentemente di qualità. Dunque, prova a cambiare. Di qui il mio consiglio.

    Sai gli uomini si sentono sempre un po' stretti in famiglia, e si può anche capirli... io sono madre e una madre sa benissimo quanto "stretti" si può stare tra incombenze quotidiane e responsabilità. Ma si può anche uscirne.

    Ti dirò di più: si può uscirne con un sorriso e più felici.

    RispondiElimina